Intersezioni fra la cultura del piccolo gruppo analiticamente orientato e gli eventi traumatici della nostra epoca.

  • Silvia Corbella

Abstract

Nell’articolo si fa riferimento allo stimolo che ha indotto l’autrice ad approfondire le ricadute emotive che nella nostra quotidianità personale e professionale producono gli atti terroristici e la possibile cura dell’evento traumatico. In seguito si analizza la difficoltà attuale di sviluppare in modo adeguato i processi di soggettivazione, sia nel mondo occidentale sia nel mondo islamico, con possibili intersezioni -nel duplice senso di intersectio, ossia al contempo incontro e frattura- fra i due mondi e si prende in considerazione la cultura che si costruisce nel gruppo analiticamente condotto. Si sottolineano i pericoli nel mondo contemporaneo del diffondersi di un pensiero integralista che va pericolosamente a braccetto con il funzionamento delle macchine digitali che hanno modificato anche il nostro modo di pensare. Si auspica la possibilità di fare formazione per diffondere la cultura grupponalitica a diversi livelli e in diversi ambiti, in sinergia con altre discipline.

Biografia dell'autore

Silvia Corbella

 

Riferimenti bibliografici

Adonis (2015) Violenza e Islam. Conversazioni con Houria Abdelouahed. Ugo Guanda Editore, Milano.
Bettini, M. (2016) Cosa dicono davvero i racconti di guerra ? in Psiche, n.2/2016,pp.491-500
BenslamaF.(2005) Dichiarazione di non sottomissione,tr.it 2011, Poiesis Editrice, Alberobello, Bari
Benslama F. (2002) La psicoanalisi alla prova dell’Islam, tr.it 2012 Casa editrice il Ponte, Milano.
Corbella S. (2014) Liberi legami, Borla, Roma.
De Masi F.(2008)Trauma, deumanizzazione e distruttività, Franco Angeli , Milano.
Estrada Gallego F.(2004), Metaforas de una guerra perpetua. Estudios sobre pragmatica del discurso nel conflicto armado colombiano, Medellin, Cielos de Arena/ Fondo Editorial Universidad Eafit
Kelman H,C. (1973) Violence without Moral Restraint, Journal of Social Issues 29: 29-61.
Onfray M. (2016) Pensare L’Islam, Ponte alle Grazie.
Pacioni M. Stasis, stato, guerra civile: storia di separazioni e dissimulazioni attraverso Grangé, Canfora, Foucault, Agamben e Curi, Psiche, n.2/2016:615-621.
Jelloun T,B. (2015) L’Islam che fa paura-, Bompiani/RCS Libri S.p.A , Milano
Vargas A,C ( 2016) I segni di una guerra interminabile , Psiche n. 2/201:337-352.
COVER
Pubblicato
2017-12-09
Come citare l'articolo
CORBELLA, Silvia. Intersezioni fra la cultura del piccolo gruppo analiticamente orientato e gli eventi traumatici della nostra epoca.. Polaris. Psicoanalisi e mondo contemporaneo, [S.l.], n. 2, p. 91-103, dic. 2017. ISSN 2532-6929. Disponibile all'indirizzo: <http://www.polarispsicoanalisi.it/ojs/index.php/ppmc/article/view/21>. Data di accesso: 21 feb. 2018