Malattia o adolescenza? Il monitoraggio dell’ambiente per prevenire il rischio*

  • Stefania Marinelli

Abstract

L’autore propone a familiari e operatori che lavorano con adolescenti, l’importanza di apprendere a contenere l’ansia che si sviluppa in loro stessi a contatto con i comportamenti spesso allarmanti propri degli adolescenti e pre-adolescenti, e con le difficoltà connesse al loro rapido sviluppo, spesso caotico e preoccupante. La domanda: quando famiglia e scuola dovrebbero pensare all’invio allo specialista? non ha una sola risposta, ma piuttosto l’invito a poter contenere se stessi prima di valutare la realtà e imparare lentamente a discriminare se si trovano di fronte ad un rischio o solo al disordine produttivo dell’età di passaggio. Una breve disamina dei maggiori rischi e dei loro antecedenti che devono allertare genitori e insegnanti, potrebbe essere di aiuto, se non diventa un metodo per invece nascondere paura e ansia del processo separativo. In tutti questi casi l’invio più fisiologico da fare per il figlio/allievo – oltre che verso lo sportello psicologico scolastico, spesso accolto dai ragazzi con curiosità come uno spazio sentito più libero e “esterno” alla famiglia – è verso il gruppo. Restituire al gruppo dei pari, scolastico o altro più specializzato, l’adolescente incerto e spaventato, che fatica a colmare il suo doppio bisogno di restare attaccato da un lato alla tradizione infantile e dall’altro all’essere attratto dalle possibilità di liberarsi della dipendenza precedente, per slanciarsi verso la propria autonomia – è un primo passo verso il riconoscimento dei suoi nuovi bisogni da parte degli adulti. Questi infatti utilmente si preoccupano, pongono confini, oscillano fra guidare, contrapporsi e contenere, ma anche sono in grado di dare fiducia e sostenerla.

Biografia dell'autore

Stefania Marinelli

 

Riferimenti bibliografici

Ammaniti M. (2016) La famiglia adolescente. Laterza, Bari.
Anzieu D. (1976) Le groupe et l’inconscient. Bordas, Paris; Trad. it. Il gruppo e l’inconscio. Borla, Roma 1979.
Bello F, Tombolini L., a cura di, Essere in gruppo. Modelli e interventi. Roma, Franco Angeli.
Bernabei M. (2001-02) a cura di. L’adulto nei gruppi con bambini e adolescenti, Funzione Gamma, 5; 11 (www.funzionegamma.it).
Camassa P.(2010), Anoressia: un’epidemia del corpo come oggetto “inferiore”. Rivista di Psicoanalisi, 56, 3: 549-560.
Ferrari A.B., (1992) L’eclissi del corpo. Borla, Roma.
Gale J. (2016) Iscrizione all’interno della comunità. Note sull’approccio lacaniano al trattamento in gruppo della psicosi, in Bello F., Lucia Tombolini L. a cura di, La Funzione Gruppale nei servizi di salute mentale tra clinica e ricerca. Fnzione Gamma, 37 (www.funzionegamma.it).
Giori F. (2007) L’intervento con i genitori in assenza del figlio, in Lancini M. (a cura di) Genitori e psicologo. Franco Angeli, Milano.
Jannakoulas A. (1975) Seminari formativi presso i corsi formativi sull’età evolutiva, la coppia, la genitorialità, Asne SIPSIA, Roma.
Monniello G. (2011) Mente adolescente e neuroscienze, in, Sensorialità, Corporeità, Sessualità nel Gruppo, a cura di S. Corbella, S. Marinelli, P. Russo, Funzione Gamma, 26 (www.funzionegamma.it).
Touraine A. (1965) Sociologie de l'action, Paris: Edition du Seuil.
Winnicott D. (1990) Dal luogo delle origini, Scritti inediti a cura di Renata Gaddini, Raffaello Cortina, Milano.
COVER
Pubblicato
2018-12-07
Come citare l'articolo
MARINELLI, Stefania. Malattia o adolescenza? Il monitoraggio dell’ambiente per prevenire il rischio*. Polaris. Psicoanalisi e mondo contemporaneo, [S.l.], n. 4, p. 7-15, dic. 2018. ISSN 2532-6929. Disponibile all'indirizzo: <http://www.polarispsicoanalisi.it/ojs/index.php/ppmc/article/view/36>. Data di accesso: 26 mag. 2019