Un’ esperienza “sufficientemente” integrata

  • Maria Grazia Gatto
  • Massimiliano Pensa

Abstract

Questo scritto offre un contributo esperienziale al concetto di lavoro integrato, in cui diverse professionalità si mettono in discussione per creare un dispositivo che, nella sua funzione regolativa, garantisca una struttura solida all’impianto progettuale. L’apertura verso la conoscenza e la valorizzazione di una cultura d’intervento altra da sé, conduce alla creazione di un progetto solido da poter contenere dinamiche caotiche, fughe, dipendenze di genitori poco adulti e poco consapevoli dei bisogni del figlio.

Biografia dell'autore

Maria Grazia Gatto

 

Riferimenti bibliografici

Bion W.R. (1987) Esperienze nei gruppi e altri saggi. Armando Editore, Roma
Bleger J. (1966) Psicoigiene e Psicologia istituzionale. La Meridiana, Molfetta (ed. 2011)
Corbella S. (2003) Storie e luoghi del gruppo. Raffaello Cortina Editore, Milano
Massa R. (2003) Educare o istruire? La fine della pedagogia nella cultura contemporanea. Unicopli, Milano
Mazzoni G. (2015) I destini generali. Laterza, Roma-Bari
Pichon-Rivière E. (1971) Il processo gruppale. Libreria Editrice Lauretana, Loreto (ed. 1985)
Recalcati M. (2015) Le mani della madre. Feltrinelli, Milano
Vallino D. (2010) Fare psicoanalisi con genitori e bambini. Borla, Roma
Winnicott D.W. (1987) I bambini e le loro madri. Raffaello Cortina Editore, Milano
COVER
Pubblicato
2018-12-07
Come citare l'articolo
GATTO, Maria Grazia; PENSA, Massimiliano. Un’ esperienza “sufficientemente” integrata. Polaris. Psicoanalisi e mondo contemporaneo, [S.l.], n. 4, p. 25-44, dic. 2018. ISSN 2532-6929. Disponibile all'indirizzo: <http://www.polarispsicoanalisi.it/ojs/index.php/ppmc/article/view/38>. Data di accesso: 16 lug. 2019