Qualcosa di personale

  • Giordano Basola

Abstract

L’inizio di una psicoterapia può compiersi in un unico primo colloquio o richiedere una lunga e talvolta tormentata gestazione, come spesso è per i pazienti che soffrono di problemi di addiction e di fragilità del Sé. Attraverso la storia del giovane Federico il cui motto era “Nulla di personale, Dottore!”, vorrei descrivere l’evoluzione di questa fase preliminare, dal primo recalcitrante contatto allo stabilirsi di una relazione grazie alla possibilità di scoprire qualcosa d’inedito e molto personale.

Biografia dell'autore

Giordano Basola

 

Riferimenti bibliografici

Bollas C. (1987) L’ombra dell’oggetto, Borla, Roma, 1989
Ogden T.H. (1997) Reverie e interpretazione, Astrolabio, Roma, 1999
Winnicott D.W. (1962) Comunicare e non comunicare: studio su alcuni opposti. In: Sviluppo affettivo e ambiente, Armando Editore, Roma, 1970
Winnicott D.W. (1968) L’uso di un oggetto e l’entrare in rapporto attraverso le identificazioni. In: Esplorazioni psicoanalitiche, Raffaello Cortina Editore, Milano, 1995
COVER
Pubblicato
2018-12-07
Come citare l'articolo
BASOLA, Giordano. Qualcosa di personale. Polaris. Psicoanalisi e mondo contemporaneo, [S.l.], n. 4, p. 76-81, dic. 2018. ISSN 2532-6929. Disponibile all'indirizzo: <http://www.polarispsicoanalisi.it/ojs/index.php/ppmc/article/view/42>. Data di accesso: 26 mag. 2019